Tag:

Gazzelle

Anche settembre va in archivio con una buona dose di videoclip italiani di qualità e la playlist che vi proponiamo è alquanto variegata per registi, genere musicale, tipo di video e budget.

Si va dall’approccio minimal ma molto intenso di Uolli (Mother, per Flamingo) o di un Valerio Desirò anche protagonista e ballerino (Fantasmi, per i Santamarya), alle produzioni girate all’estero come l’interessantissimo Barrio, nuovo singolo di Mahmood diretto da Attilio Cusani, oppure l’ultima fatica di Andrea Folino, alle prese con La tua canzone di Coez.

Per quanto riguarda le presenze fisse o quasi di questa rubrica, proponiamo addirittura due lavori dei Bendo: Tommaso per Fulminacci – solito concentrato di nostalgia anni ’90, condito però da uno sforzo narrativo riuscito nel suo piccolo – e Settembre, girato per Gazzelle, forse uno dei loro lavori migliori.

Inoltre i nostri aficionados riconosceranno anche le firme di Cinepila – il collettivo catanese che ha realizzato un nuovo video per Cesare Basile, sempre nel loro stile criptico ed evocativo -, dei SANS – duo torinese che ha finalmente visto pubblicare il loro lavoro per il batterista Khompa – e di Trilathera – altro duo, che hanno illustrato il ritorno dei Siberia.

Anche a fine mese ci sono state delle belle uscite. Abbiamo selezionato infatti un altro bel lavoro di Erika Errante, che per i Pitchtorch concepisce il viaggio introspettivo di una ragazza verso la natura più selvaggia, e poi un video di tutt’altro tenore e spirito, con il punk aggressivo dei Nouccello: una piccola gemma nascosta come Piano B, diretto da Luigi Milardi e Valentina Natarelli.

Siete d’accordo con le nostre scelte o manca qualcuno?

PLAYLIST

Fulminacci – Tommaso (Andrea Santaterra, Lorenzo Silvestri)
Flamingo – Mother (Uolli)
Cesare Basile – L’Arvulu Rossu (Giovanni Tomaselli)
Mahmood – Barrio (Attilio Cusani)
Santamarya – Fantasmi (Valerio Desirò)
Siberia – Ian Curtis (Trilathera)
Khompa – Religion (SANS)
Coez – La tua canzone (Andrea Folino)
Levante – Bravi tutti voi (Jacopo Farina)
Gazzelle – Settembre (Andrea Losa, Lorenzo Silvestri)
Nouccello – Piano B (Luigi Milardi, Valentina Natarelli)
Pitchtorch – Pictures Are Going Wild (Erika Errante)

Un video playback minimal molto elegante? Una roba indie con la pioggia finta e le sigarette? Niente di tutto questo. O meglio: tutto questo sì, con anche i titoli di coda prima del finale, che sarà ancora una volta meta, in una costante rottura della quarta parete che ci rivela un Gazzelle intrappolato nella finzione ad libitum.

Davvero brillante questa trovata, perfettamente orchestrata da Bendo, collettivo milanese, firma pregiata della videomusica indie italiana, che parte da un verso della canzone – «molto meglio di un film», riportato in cima nella descrizione su Youtube – e ne ribalta il senso con lo stesso humour pessimista del cantautore romano.

Credits

Regia — Andrea Losa & Lorenzo Silvestri × bendo
Direttore Creativo — Andrea Santaterra × bendo
Produttore — Antonio Giampaolo per Maestro Production
Direttore alla Fotografia — Marco “NOZPA” Spanò
Organizzatore Generale — Federica De Carlo
Capo Macchinista — Raffaele Prejanò
Capo Elettricista — Alessandro Veridiani
Color Correction — Alessandro Rocchi
Coordinatore di Produzione — Giammario D’Eramo
Focus Puller — Lorenzo De Marco
Aiuto operatore — Matteo Aloisi
Data Manager — Paolo Grossi
Macchinista — Francesco Maria Feminiano
Elettricista — Giacomo Ferrari
MUA — Claudia De Simone
Assistente di produzione — Marzio Pulcini
SFX Pioggia — Paolo Galiano

Special Thanks
Beniamino Giampaolo per MAKE GREEN
Lumina Studios
Superman Peppe De Muro e Deborah Veneziani
Carlo Avella per Fratelli Cartocci
Marina Greco e Giulia Di Gori

Gazzelle salva Gazzelle nell’ultimo videoclip del giovane cantautore romano, diretto dai ragazzi di Bendo – in questo caso la regia è accreditata ad Andrea Losa e Lorenzo Silvestri, a partire da un’idea dello stesso Gazzelle e di Dharma Mangia Woods.

Polynesia è ambientato nel 2049, dove un decrepito Gazzelle vive in una baracca alla periferia di Roma. Come se ci trovassimo in un film d’avventura per ragazzi degli anni Ottanta, il protagonista fabbrica una macchina del tempo: lo scopo è tornare indietro per evitare di firmare un contratto con una major.


20) Ministri – Fumare (Marcello Calvesi)
I Ministri hanno deciso di omaggiare l’unico pezzo rimasto fuori dall’ultimo disco con un videoclip capace di donare al tutto una dignità propria, un vero e proprio omaggio al cinema noir anni ’40, mettendo in scena probabilmente il miglior bianco e nero del 2018. Marcello Calvesi viene dal mondo del cinema e si vede (è stato aiuto regia in Non essere cattivo di Claudio Caligari e in due film di Cosimo Alemà), essendo entrato però nella scuderia di Borotalco.tv (casa di produzione video piuttosto importante) sentiremo ancora parlare di lui prossimamente. (AF)



19) Subsonica – Respirare (Donato Sansone)
Forse il 2018 sarà l’inizio di una collaborazione lunga e proficua, ovvero quella fra la storica band torinese dei Subsonica (da sempre molto attenti e desiderosi di sperimentare in campo audiovisivo) e Donato Sansone, regista eclettico con una predilezione per gli effetti digitali, i videoritocchi ed un certo gusto artistico, come ampiamente dimostrato in Respirare e Bottiglie rotte. (AF)



18) Gazzelle – Tutta la vita (Jacopo Farina)
Tutta la vita rappresenta la summa del discorso (est)etico che Jacopo Farina ha portato avanti quest’anno con video anche molto diversi come Le Muse per Francesco De Leo o Jesse James e Billy the Kid per i Baustelle (ma possiamo metterci dentro anche Turbo/Attraverso lo specchio di Cosmo del 2017). Dentro il club di questo videoclip, quello che va in scena è un ritratto generazionale e sociale: un milieu multietnico, sessualmente aperto e un po’ decadente. (AR)



17) Gigante – Tempesta (Balto)
Alberto Mocellin, vero nome del videomaker Balto, quest’anno si è dato parecchio da fare, sia in solitaria sia in coppia con Gianvito Cofano (come collettivo Acquasintetica, autori tra le altre cose del notevole Balloon per gli Inude).  Tempesta girato per il cantautore pugliese Gigante rappresenta la sua produzione migliore, una bella storia dal taglio cinematografico, con un protagonista perfetto per il ruolo. Sicuramente nel 2019 lo rivedremo in azione, da solo o come collettivo poco importa. (AF)



16) Sorrowland – Facebook (Danilo Bubani)
Il collettivo artistico Sxrrxwland è uno dei progetti più interessanti del 2018, che unisce musica, illustrazione, fotografia, fashion design e styling. In tutto questo il video di Facebook girato da Danilo Bubani dello studio creativo Land HO è un perfetto biglietto da visita: le location minimali, i colori freddi e le luci al neon riescono a trasmettere in maniera chirurgica le sensazioni volute, definendo in pochi minuti l’universo della band e i suoi contorni visivi.

Un’annata piuttosto impegnativa anche per lo studio romano di Bubani, autori del divertente Missili per Frah Quintale, di Fantino per Capibara e di Martelli per Gazzelle. (AF)

Pagine: 1 2 3 4

Newer Posts

Questo sito usa dei cookies. Sapevatelo. OK Leggi di più