Tag:

Gabriele Ottino

Anche settembre va in archivio con una buona dose di videoclip italiani di qualità e la playlist che vi proponiamo è alquanto variegata per registi, genere musicale, tipo di video e budget.

Si va dall’approccio minimal ma molto intenso di Uolli (Mother, per Flamingo) o di un Valerio Desirò anche protagonista e ballerino (Fantasmi, per i Santamarya), alle produzioni girate all’estero come l’interessantissimo Barrio, nuovo singolo di Mahmood diretto da Attilio Cusani, oppure l’ultima fatica di Andrea Folino, alle prese con La tua canzone di Coez.

Per quanto riguarda le presenze fisse o quasi di questa rubrica, proponiamo addirittura due lavori dei Bendo: Tommaso per Fulminacci – solito concentrato di nostalgia anni ’90, condito però da uno sforzo narrativo riuscito nel suo piccolo – e Settembre, girato per Gazzelle, forse uno dei loro lavori migliori.

Inoltre i nostri aficionados riconosceranno anche le firme di Cinepila – il collettivo catanese che ha realizzato un nuovo video per Cesare Basile, sempre nel loro stile criptico ed evocativo -, dei SANS – duo torinese che ha finalmente visto pubblicare il loro lavoro per il batterista Khompa – e di Trilathera – altro duo, che hanno illustrato il ritorno dei Siberia.

Anche a fine mese ci sono state delle belle uscite. Abbiamo selezionato infatti un altro bel lavoro di Erika Errante, che per i Pitchtorch concepisce il viaggio introspettivo di una ragazza verso la natura più selvaggia, e poi un video di tutt’altro tenore e spirito, con il punk aggressivo dei Nouccello: una piccola gemma nascosta come Piano B, diretto da Luigi Milardi e Valentina Natarelli.

Siete d’accordo con le nostre scelte o manca qualcuno?

PLAYLIST

Fulminacci – Tommaso (Andrea Santaterra, Lorenzo Silvestri)
Flamingo – Mother (Uolli)
Cesare Basile – L’Arvulu Rossu (Giovanni Tomaselli)
Mahmood – Barrio (Attilio Cusani)
Santamarya – Fantasmi (Valerio Desirò)
Siberia – Ian Curtis (Trilathera)
Khompa – Religion (SANS)
Coez – La tua canzone (Andrea Folino)
Levante – Bravi tutti voi (Jacopo Farina)
Gazzelle – Settembre (Andrea Losa, Lorenzo Silvestri)
Nouccello – Piano B (Luigi Milardi, Valentina Natarelli)
Pitchtorch – Pictures Are Going Wild (Erika Errante)

Khompa è lo pseudonimo di Davide Compagnoni, batterista di talento che presenta con il video di Religion il suo nuovo album The Shape of Drummer to Come. Il video è diretto da Gabriele Ottino e Paolo Bertino, noti anche come SANS, e vede l’artista teletrasportarsi da una parte all’altra del globo attraverso un buco nel rullante oppure nella cassa, fino ad ottenere il dono dell’ubiquità. Un’idea semplice, ma efficace, impreziosita da un ottimo lavoro di light design, location perfette e anche una piccola sequenza animata che alimenta il ritmo del video.


SIRI
è il nuovo singolo de I quartieri, impreziosito da questa clip che, prendendo spunto dal titolo, ci mostra la registrazione dello schermo di uno smartphone. L’idea forse è già un po’ vista, eppure questo lavoro di Gabriele Ottino (Sans) e Sharon Ritossa colpisce lo stesso: da una parte è una questione di ritmo, frenetico naturalmente, come la vita ai tempi dei social network, dall’altro a sorprendere è l’abilità nel restituire un mondo intero – quello degli adolescenti di oggi – con un’immediatezza e una credibilità che si trovano raramente, almeno in Italia.

C’è poi un altro aspetto, che si rivela poco a poco nella visione fino al finale sorprendente: le immagini della cronaca, soprattutto delle devastazioni in Medio Oriente, irrompono nel flusso di immagini, dapprima come post di Instagram che compaiono sul feed di Instagram, poi come un vero e proprio blob, una specie di immaginario subconscio, che soggiace nella quotidianità della protagonista. Protagonista che ci viene rivelata solo nel finale, con un selfie rivelatorio che è anche un twist da manuale.

Newer Posts

Questo sito usa dei cookies. Sapevatelo. OK Leggi di più