Tag:

Sean Paul

Dopo aver contributo in maniera fondamentale al successo planetario di Dua Lipa con i videoclip di New Rules e IDGAF, Henry Scholfield continua a raccogliere commissioni di peso. L’ultima per questa gigantesca collaborazione tra Wiley, Sean Paul, Stefflon Don e pure Idris Elba, che entra di prepotenza nel complicato playback orchestrato da Scholfield come se non avesse mai fatto altro nella vita se non rappare in videoclip lussosissimi come questo.

Boasty è infatti un concentrato di energia e transizioni molto creative: per passare da una voce all’altra, infatti, i frame diventano fotografie, schermate di cellulari e tablet, pagine di riviste patinate, financo il nero subconscio interiore (dove ci sarà spazio per un’altra gag visiva). Un crescendo continuo e semplicemente assurdo: chapeau.


Alex Courtés
dirige per Division il promo di Tin Por It, hit firmata da Sean Paul e Major Lazer. Si tratta di un finto dietro le quinte, dove l’idea forte è che perfomer e ballerine siano dei giganti («voglio fare le cose in grande», dice all’inizio il regista in una chiamata Skype con Sean Paul), mentre tutta la crew è di normali dimensioni.

Su questo canovaccio si sviluppano alcune gag, alcune davvero brillanti, in cui è la cura dei dettagli a fare la differenza. Il ritmo con cui si susseguono le trovate vivacizza il video dal principio alla fine, realizzando un promo di gran lunga più interessante del banalissimo videoclip deteriore che “vediamo venir girato” dalla troupe.

Impossibile comunque non ricordare un altro meta-video, ovvero quello diretto da Keith Schofield per Stylo G e Jacob Plant. Anche Bike Engine vedeva infatti un regista in difficoltà nella realizzazione del suo progetto e imbarazzato nel rapporto con gli artsti musicali, oltre a lavorare sull’idea di isolare una parte del corpo femminile.

Questo sito usa dei cookies. Sapevatelo. OK Leggi di più