La Top 20 del 2016 (posizioni 20-11)

I migliori venti video dell’anno. Cominciamo subito.

#20
El Guincho feat. Mala Rodriguez – Comix. Dir. Canada
Dopo 5 anni, i Canada – senza più Luis Cervero – tornano sul luogo del delitto. Se possiamo dire che c’è una videomusica prima di Bombay e una dopo, così non è per questo Comix. Ricco di trovate e spunti, sostenuto da una direzione artistica come al solito impeccabile, il video sembra sempre sul punto di decollare, ma non lo vediamo mai spiccare definitivamente il volo.

#19
The Shoes feat. Dominic Lord – 1960’s Horror. Dir. Emile Sornin
Ancora un’altra gemma si inserisce nella videografia dei The Shoes. 1960’s Horror è forse il più spassoso: lo spunto su cui Sornin basa il promo è gestito benissimo grazie ad un pregevole climax ascendente, che diverte ma non rassicura. Tra Roman Coppola e i Megaforce.

#18
Anohni – Drone Bomb Me. Dir. Nabil
Nabil dirige Naomi Campbell nel più spiazzante dei lip-sync. E basta e avanza questo a fare di Drone Bomb Me uno dei video simbolo di questo 2016.

#17
The Chemical Brothers feat. Beck – Wide Open. Dir. Dom&Nic
Dom&Nic riprendo Sonoya Mizuno in quello che è senza ombra di dubbio il video coreutico dell’anno. Nella metamorfosi da donna a macchina un cuore resiste e batte ancora.

#16
Valentino Khan – Deep Down Low. Dir. Ian Pons Jewell
Un’intossicazione alimentare da pesce diventa un viaggio allucinato dentro (letteralmente) le viscere dell’inconscio. Un incubo metropolitano.

#15
Dj Shadow feat. Run The Jewels – Nobody Speak. Dir. Sam Pilling
Lo scontro diplomatico come battaglia rap: anche questo video si regge su un lip-sync rovesciato, puntando direttamente e con efficacia su effetti comici e spettacolari.

#14
Ex aequo:
Run The Jewels feat. Gangsta Boo – Love Again
Miike Snow – Genghis Khan
Dir. Ninian Doff

Con questi due brillanti lavori, Ninian Doff si conferma ad altissimi livelli anche in questo 2016. Per Miike Show rilegge il machismo dei Bond Movies in chiave queer, mentre per Run The Jewels mette in scena un porno entomologico. Tutto molto bello.

#13
The Furrow Collective – Wild Hog in the Woods. Dir. Chris Cornwell
Videoclip animato di estrema grazia. La caccia e il suo esito mortale trovano un puntuale contrappunto nel tratto deciso e gentile, nonché negli inserti comici. Infine, l’abbondanza di elementi simbolici e surreali si adatta perfettamente per questa ballad medievaleggiante e un po’ lisergica.

#12
Pup – Sleep in the Heat. Dir.Jeremy Schaulin-Rioux
Schaulin-Rioux ha diretto una bella tripletta per i Pup. Questo è il più bello e commovente, ma fareste bene a guardare anche Dvp e If This Tour Doesn’t Kill You.

#11
Leon Bridges – River. Dir. Miles Jay
Intrecciando storia e memoria, suono e immagine, Miles Jay monumentalizza questo pezzo tutto cuore di Leon Bridges. Take me to your riveeeeer. E giù lacrime.